MinibondItaly.it e EpicSim Spa, già ideatrici del Barometro Minibond: Market Trends, hanno realizzato un documento riassuntivo che illustra nel dettaglio gli sviluppi e i trends dei minibond dal 2013, anno di lancio di questo nuovo strumento finanziario, ad oggi.

Dall’analisi generale emerge che dal 2014, anno in cui le aziende hanno effettivamente cominciato ad usufruire a pieno dei vantaggi offerti dai minibond, il trend positivo è andato sempre più consolidandosi con ca. 55/60 emissioni l’anno con taglio medio in costante riduzione e cedola media che si è ridotta nel tempo, oggi pari a ca. 5%

Ad emettere minibond sono aziende economicamente solide, con un EBITDA in un intorno del 10% e hanno mediamente un rapporto PFN / EBITDA compreso tra 2x e 4x. Il report analizza anche il trend di questi indicatori e del fatturato nell’anno precedente e in quello successivo all’emissione (se disponibile).

Le società che hanno effettuato emissioni multiple sono molto limitate e rappresentano meno del 10% degli emittenti totali per un valore totale dei minibond emessi da queste pari a ca. il 16% del mercato.

Limitato risulta anche il numero di emissioni di cambiali finanziarie, rispetto ai minibond, il cui controvalore emesso dalla nascita del mercato ad oggi è pari a Euro 60,5 milioni.